Un ballo al castello: Ritual Club

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Oggi vogliamo raccontarvi del nostro ballo al Castello del Regno Smeraldino, il tempio della musica, il Ritual Club. Durante la nostra vacanza in Sardegna, infatti, abbiamo deciso di passare una serata al Ritual Club. Era da tanto che volevamo andare a ballare in una delle discoteche più In di Baja Sardinia, e quest’anno io, Signo ed i nostri amici Elisa e Luca, non ci siamo lasciati scappare l’occasione di passare una serata in questo locale favoloso.

La storia e la filosofia del locale

Il Ritual nasce negli anni ’70 da un’idea di Andres Fiore, che costruì questa location pensata in ogni dettaglio intorno ad una grotta naturale. Ed oggi, arrivando, ci si ritrova di fronte ad un Castello, che ha ospitato grandi della musica e non. 

“…Sulla collina c’era una bella grotta naturale. E lui se ne innamorò, tanto da dormirci dentro per tre notti. Così prima ne fece un punto d’incontro per intellettuali e artisti, poi un locale notturno, una discoteca, nell’agosto del 1970. Erano gli anni d’oro della Costa Smeralda..” Da un’intervista a Francesca Fiore per La Nuova Sardegna

Noi siamo arrivati verso l’una e dopo una breve fila siamo entrati in questo luogo fiabesco avvolto da una magica atmosfera. Abbiamo apprezzato tanto la fila controllata da alcuni addetti, che hanno impedito di creare ressa nonostante le tante persone in attesa di entrare. E così inizia il nostro ballo al Castello: Bevenuti al Ritual Club!

Un ballo al castello: Ritual Club Sardegna
Ritual Club

Altra cosa super positiva per noi ragazze è che non vi è selezione all’ingresso.

“…perché al Ritual bisogna venirci per divertirsi e lasciare i problemi fuori dalla porta. Ognuno può vestirsi come vuole. Alcune ragazze, per esempio, non vengono in tacchi ma in All Star. E per me questo è il massimo..” 

Da un’intervista a Francesca Fiore per La Nuova Sardegna

E noi ragazze sappiamo che poter andare in discoteca con le scarpe basse significa potersi dimenare in pista tutta la notte senza mal di piedi!

La nostra serata

Noi siamo andati un martedì sera, durante la serata KITSCH e come siamo entrati, nella sala di ingresso, ci hanno accolto ragazze vestite a tema, davvero bellissime. Ma la vera meraviglia è sicuramente la cornice.

La grotta è davvero suggestiva, i bar sono incastonati in scorci pazzeschi, le luci e la vegetazione avvolgono tutto con un’aria ancora più fiabesca e la musica completa l’opera.

La discoteca ha due sale principali, una esterna ed una interna, quattro bar e una terrazza sotto alle stelle con una vista stupenda. Ogni dettaglio è studiato meticolosamente per creare un luogo magico ed indimenticabile.

La serata tra un ballo, un drink (tra l’altro davvero squisiti!!) e la scoperta di qualche angolino unico è volata, ma il ricordo rimane indelebile.

Durante questa vacanza siamo stati anche in altre discoteche bellissime, ma ogni volta ci guardavamo e tutti concordavamo che “…il Ritual è su un altro livello!”.

Che dire in conclusione, cari viaggiatori? Noi ci siamo innamorati di questa discoteca e la serata del ballo al castello al Ritual Club resterà a lungo nei nostri cuori.

Per prenotare noi li abbiamo contattati dalla pagina instagram, dove la gentilissima Michela ci ha dato tutte le indicazioni necessarie, altrimenti cliccando qua potrete accedere direttamente alla pagina dei contatti.

Mentre aspettiamo di tornarci il prossimo anno, vi consigliamo assolutamente di andarci se avete l’occasione e di fare un ballo anche per noi!

Prima di salutarvi, vi lascio il link con le ultime serate di questa stagione e uno scatto ufficiale della nostra serata!

A presto viaggiatori,

Ele e Signo

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento