Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Una giornata alla scoperta delle Marche, la nostra regione. Spesso vi abbiamo parlato di luoghi straordinari, ma poche volte ci siamo soffermati a raccontarvi dei tesori che abbiamo nel nostro territorio. Oggi vogliamo parlarvi della nostra gita al Tempio di Valadier.

Quando torneremo a viaggiare, da bravi viaggiatori responsabili, dovremmo cercare di aiutare il turismo dell’Italia. Così oltre a prendere parte a diversi progetti per la valorizzazione del territorio nazionale, come quello proposto dai ragazzi di tichiamoquandotorno, abbiamo deciso di raccontarvi un po’ della nostra regione anche qua sul nostro blog.

A Genga, in provincia di Ancona, sorge il Tempio di Valadier. Questo tempio, completamente scavato nella roccia è uno spettacolo davvero da non perdere. Nelle vicinanze troviamo le ben più conosciute Grotte di Frasassi, che potrebbero essere abbinate a questa meravigliosa escursione.

Tempio di Valadier

Cenni storici

Il tempio del Valadier è una chiesa a pianta ottagonale progettata dall’architetto Giuseppe Valadier e fatta costruire da Papa Leone XII nel 1828.
All’interno di questa chiesetta era conservata una statua della Madonna col Bambino, realizzata dalla bottega di Antonio Canova, che ora è sostituita da una copia. L’originale è esposta al Museo di Arte Sacra di Genga.

Tempio di Valadier

Vicino al Tempio di Valadier, sempre arroccata sulla montagna, si trova l’Eremo della Madonna Infra Saxa, che era un monastero abitato dalle suore benedettine di clausura.

Come raggiungere il Tempio di Valadier

Raggiungere il tempio di Valadier è piuttosto semplice. Una volta arrivati alle Grotte di Frasassi, dovrete continuare nella strada per Genga fino al cartello “Presepe Vivente”. Potete parcheggiare ai lati della strada, sicuramente troverete già altre macchine.

Una volta lasciata l’auto bisogna proseguire a piedi. La passeggiata è un po’ ripida ma è fattibile sia per i bambini che con i passeggini. E’ una passeggiata sicura e con parapetti. Unico accorgimento, specialmente nelle giornate di sole, un cappellino e dell’acqua, perché non ci sono bar o punti ristoro lungo il percorso. Una volta raggiunto il Tempio di Valadier si trovano dei bagni chimici.

La passeggiata è adatta anche ai nostri amici a 4 zampe, al guinzaglio e anche per loro è necessaria una scorta d’acqua. Ovviamente i cani non possono entrare all’interno del Tempio e quindi sarà necessario visitarlo a turni.

Tempio di Valadier

La visita

Per essere sicuri di riuscire a visitare il Tempio di Valadier, che è davvero un piccolo gioiello, vi consigliamo di contattare prima di partire la Pro Loco di Genga oppure di informarvi sulla Pagina del FAI- Fondo Ambiente Italiano. Durante le Giornate Fai, la chiesa osserva i seguenti orari 

  • Sabato: 10:00 – 12:00 / 15:00 – 18:00 
  • Domenica: 10:00 – 12:30 / 15:00 – 18:00 

Oltre al tempio, è possibile visitare l’Eremo della Madonna Infra Saxa e perdersi a guardare alcuni scalatori che si divertono ad arrampicarsi sulle rocce.

Come abbiamo sottolineato inizialmente, la visita al Tempio di Valadier può essere abbinata ad una giornata alle Grotte di Frasassi, al Parco Regionale Gola della Rossa e di Frasassi, oppure alla cittadina di Genga.

Speriamo di ospitarvi presto nelle Marche!

Ele e Signo

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento