Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email
Antelope Canyon

Da oggi inizia il racconto del nostro Sogno Americano.

Il nostro primo viaggio negli States l’ho sognato a lungo. E nel 2016, Signo ha deciso di realizzare il mio desiderio. Così per le vacanze natalizie siamo partiti alla scoperta di alcuni dei luoghi più esemplificativi. Sul blog trovate il racconto dettagliato di ogni tappa!

L’itinerario del nostro sogno americano lo abbiamo creato insieme all’atelier del viaggiatore , un’agenzia di Pesaro. Io e Signo abbiamo studiato a lungo le tappe ed i luoghi da non perdere e poi, insieme a Fabio, abbiamo organizzato un itinerario perfetto per noi.

Le tappe

Siamo partiti il 23 dicembre da Milano con direzione New York e abbiamo alloggiato al Westin Grand Central. L’hotel si è rivelato ottimo. La camera si affacciava sul Chrysler Building, ed essendo ad un piano alto la vista era splendida. Inoltre, lasciando l’hotel, eravamo già nella zona della Central Station. Nonostante il freddo invernale e qualche fiocco di neve, quindi, abbiamo potuto esplorare la città a piedi e con gli occhi sempre all’insù.
Il 28 dicembre, abbiamo lasciato la grande mela e siamo volati a Los Angeles. Alla città degli angeli abbiamo dedicato solo due giorni. Anche in questo caso, la camera ci ha deliziati con una vista unica. Affacciandoci, infatti, vedevamo la famosa scritta “Hollywood”.

Da qui inizia il nostro sogno americano, il nostro viaggio on-the-road. Percorrendo un tratto della Route 66, siamo arrivati nella città che non dorme mai, Las Vegas. Lungo la strada abbiamo fatto tappa a Calico, una delle città fantasma. E’ un piccolo paesino abbandonato davvero suggestivo.

Sogno Americano: Calico
Calico: Ghost Town

Il nostro Sogno Americano è continuato con la scoperta dei grandi parchi: abbiamo visitato Grand CanyonMonument Valley, Antelope Canyon e Horseshoe Bend. Le immense distese innevate, la quiete dopo la frenesia della città ci hanno conquistati.

L’ultima tappa del nostro viaggio è stata San Francisco. Questa città dal carattere Europeo ci ha fatto sentire un po’ l’aria di casa. Il nostro hotel a Cisco si trovava a due passi dalla Lombard Street, la caratteristica stradina in discesa tutta curve.

Avventure e Sventure

Questo viaggio meraviglioso però, ha avuto qualche piccolo intoppo… alla partenza stavamo per perdere la coincidenza a Zurigo perché l’aereo non riusciva a partire da Milano causa neve. E in questo caso l’agenzia è stata una sicurezza perché ci aveva già garantito due posti sul volo successivo. Poi però l’aereo è decollato e senza andare in quota siamo arrivati a Zurigo giusto al pelo. Ci stavano aspettando. A Signo, lo aspettavano anche le guardie che lo hanno perquisito da capo a piedi!
Al ritorno ci hanno ritardato il volo di 3 ore facendoci perdere la coincidenza, annullato la coincidenza sostitutiva a Monaco dicendoci “no crew, no flight”, perso le valigie, che hanno continuato a girare il mondo per due settimane. Perse, ritrovate e ri-perse. Alla fine però sono tornate a casa. E anche noi, anche se con 8 ore di ritardo. E i miei ci aspettavano in aeroporto. A Milano. A 4 ore da casa.
Anche questa volta l’agenzia é stata fantastica. Si sono subito adoperati per farci avere un rimborso causa ritardo. E nel giro di 3 settimane lo abbiamo ottenuto.

Siete pronti per conoscere l’itinerario del nostro sogno americano tappa per tappa? Il prossimo post parlerà della grande mela…New York City. Non perdetevelo!!

Ele e Signo

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento