Santuario della Madonna dell’Ambro

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Il secondo giorno del nostro itinerario in giro per le Marche è dedicato al Santuario della Madonna dell’Ambro.

santuario Madonna dell'Ambro

Una volta arrivati, abbiamo parcheggiato il camper non molto lontano dal Santuario, in uno slargo lungo la strada. Davanti al Santuario sono presenti parcheggi per auto e moto, ma spesso i posti sono tutti occupati.

Incastonato in un’ampia gola nel cuore dei Monti Sibillini, tra pendici boscose e ripide pareti rocciose, interamente immerso nel silenzio e isolato tra i monti, in pochi passi ci troviamo di fronte alla nostra meta: il suggestivo Santuario della Madonna dell’Ambro. Posto alle pendici del Monte Priora e del Monte Castel Manardo, è il santuario più antico delle Marche e, dopo Loreto, il più importante e visitato luogo mariano.

Si narra che nel mese di  Maggio del l’anno Mille la Vergine Santissima, cinta di straordinario splendore, apparve in questa sacra roccia all’umile pastorella Santina, muta dalla nascita. La fanciulla ottenne il dono della parola in premio alle preghiere ed offerte di fiori silvestri che ogni giorno faceva all’immagine della Madonna posta in una cavità di un faggio.

madonna dell'ambro 1

Il Santuario della Madonna dell’Ambro, posto in uno scenario di rara bellezza, è luogo ideale per una gita fuori porta soprattutto durante la stagione estiva, quando la frescura che scaturisce dal fiume Ambro e l’ombra degli alberi circostanti donano un senso di pace e ristoro per il corpo e lo spirito.

Visitiamo il Santuario a turno e poi passeggiamo lungo le sponde del fiume fino all’ora di pranzo. La frescura del verde e delle cascatelle ci fa passare alcune ore di relax, tra risate e Dock che decide che è abbastanza caldo per un bagno.

Rientriamo al camper e dopo aver mangiato ci dirigiamo alle gole dell’Infernaccio, abbiamo percorso il sentire una decina di anni fa in occasione di un campo estivo ed il panorama meraviglioso che si gode per giungere all’eremo di San Leonardo ha lasciato un ricordo bellissimo in tutti noi. Parcheggiamo il camper in un punto un po’ lontano dall’inizio del percorso e ci incamminiamo a piedi lungo la strada che porta all’ingresso delle gole. Purtroppo quando siamo quasi arrivati all’ingresso inizia a piovere e a malincuore decidiamo di tornare indietro.

Abbiamo la scusa per tornare in questi luoghi e goderci la passeggiata con il sole. Torniamo quindi al camper e ci dirigiamo all’area camper I Sibillini. In realtà assomiglia più ad un campeggio con tanto di servizi, area comune e bar. Ci posizioniamo e decidiamo di fare un aperitivo prima di cena, ma vista l’abbondanza, saltiamo la cena accontentandoci di un gelato preso al bar dell’area di sosta.

Anche in questa area di sosta è possibile attaccare la luce ed effettuare camper service. Inoltre, se arrivate attrezzati con della buona carne, potrete usufruire dei barbecue per preparare una cenetta deliziosa.

L’aria fresca ed il panorama, ci fanno passare una notte tranquilla e, al mattino, una vista incantevole e delle brioches appena sfornate ci danno il buongiorno.

A presto viaggiatori,

Ele e Mamma Anna

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento