Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Ed eccoci, di nuovo, a parlarvi delle nostre Marche. Questa volta vi portiamo con noi a spasso in Carpegna, un piccolo comune nella provincia di Pesaro– Urbino, dove potrete unire le passeggiate naturalistiche alla scoperta di alcuni luoghi di interesse.

La nostra gita si è concentrata sulle passeggiate all’aria aperta, anche perché eravamo accompagnati da Dock. In Carpegna, però, potrete anche visitare Palazzo dei principi e l’Antica Fontana, la pieve di San Giovanni Battista, la Geoteca della Vallata di Carpegna, il Museo dei Borghi, il Cippo di Carpegna, la Città del Sole e dei resti di un Villaggio Palafittico.

Le gite naturalistiche che si possono fare sono davvero tante tra il Monte Carpegna e il Sasso Simone. Noi, questa volta, complice un tempo non troppo sereno e il mio 7imo mese di gravidanza, abbiamo scelto passeggiate brevi e piuttosto semplici.

Cascatelle del fiume Conca

La prima tappa sono state le Cascatelle del fiume Conca. Per raggiungerle, basta impostare sul navigatore Villagrande e superare la frazione di Serra Nanni. Continuando sulla strada, si supera il Ponte Conca e troverete una casa cantoniera con un piccolo spiazzo dove potrete lasciare la macchina. Per raggiungere le cascatelle dovrete imboccare una stradina bianca, che piano piano diventa un piccolo sentiero avvolto dalla natura.

La passeggiata è piuttosto breve (circa 20 minuti) e adatta a grandi, piccini e anche agli amici a 4 zampe. Dopo pochi passi potrete già sentire lo scrosciare del fiume Conca, e continuando giungerete al punto più alto della Cascatella. L’acqua è sempre piuttosto fredda, ma Dock non rinuncia mai ad un tuffo. Nelle giornate più calde anche noi, se attrezzati con asciugamani e cambio asciutto, potremmo godere dell’acqua rinfrescante.

  • cascatelle conca
  • cascatelle conca 4
  • cascatelle conca 3
  • cascatelle conca 2
  • cascatelle conca 1

Santuario della Madonna del Faggio e Monte Carpegna

Arrivati nella zona dedicata gli impianti sciistici in inverno, nel cuore del Parco Sasso Simone e Simoncello, potrete passeggiare e godervi i prati verdi, colorati dai fiori e panorami mozzafiato. Qui, potrete visitare il Santuario della Madonna del Faggio.

  • monte carpegna
  • monte carpegna 1
  • monte carpegna 2
  • monte carpegna 3
  • monte carpegna 4

La leggenda racconta che la Madonna apparve su un faggio in aiuto di due pastorelli al pascolo sul monte. L’immagine della Madonna impressa sul faggio fu portatqa a valle, in paese, per poterla onorare a dovere, ma il giorno seguente, miracolosamente, l’immagine sacra si trovava di nuovo sul faggio.

Santuario Madonna del Faggio- Carpegna

Il Santuario è molto bello e curato e continuando la passeggiata, costeggiandolo, potrete arrivare alla Croce.

Entrambi i sentieri sono molto semplici e adatti davvero a tutti, anche se è presente un po’ di dislivello ed il sentiero è in salita.

Dove mangiare

Se organizzate la vostra giornata in Carpegna e non volete optare per il pranzo al sacco, vi consigliamo qualche posticino dove potete fermarvi per mangiare.
Il ristorante Il Gabbiano, si trova a Montecopiolo. E’ un ristorantino tipico con specialità del luogo. Potrete mangiare la pasta fatta rigorosamente in casa e i secondi preparati rispettando la tradizione. Il locale è grande e il proprietario davvero gentile, ed i prezzi molto buoni. Sono ammessi anche gli amici a 4 zampe. Vi consigliamo di prenotare. E’ possibile anche scegliere il servizio da asporto per consumare il pranzo dove preferite!
Il Ristorante La Rupe si trova a Pietrarubbia. Anche in questo caso potrete degustare piatti tipici della tradizione.
Infine, per chi vuole optare per un posto un po’ piu chic, vi consigliamo Al Lago di Villagrande. Qui potrete assaggiare piatti con funghi e tartufi, i presidi Slow Food, oltre alle produzioni locali di straordinarie birre artigianali crude e formaggi… magari accompagnati da miele del territorio o da qualche “frutto dimenticato” come la pera cocomerina.

A presto viaggiatori,

Ele e Signo

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento