Alla scoperta dell’Asia: Singapore, Malesia e Dubai

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Il nostro primo viaggio insieme alla scoperta dell’Asia ha toccato 3 tappe magnifiche e molto diverse tra loro: Singapore, la Malesia e Dubai.

Abbiamo fatto questo viaggio durante le ferie natalizie, partendo il 23 dicembre 2017 e rientrando in Italia il 4 gennaio 2018, per un totale di 12 giorni tra città, deserto e foresta.

Per organizzare al meglio la nostra prima esperienza in Asia ci siamo fatti accompagnare da un’agenzia viaggi durante la pianificazione dell’itinerario. Prenotando i voli e gli hotel 6-7 mesi in anticipo è possibile trovare delle tariffe convenienti. Tenete però presente che i voli verso l’Asia sono generalmente più costosi rispetto ai voli diretti verso gli States.

Durante il nostro viaggio alla scoperta dell’Asia abbiamo dedicato 3 giorni a Singapore, 2 giorni li abbiamo passati nella foresta Malese, 2 giorni a Kuala Lumpur ed infine 5 giorni a Dubai.

VOLI

Abbiamo volato principalmente con Emirates, che si è rivelata una garanzia: il cibo in volo è ottimo, lo spazio ed il comfort dei sedili buono ed il personale sempre gentile. Unica pecca è stato un ritardo di circa 4 ore all’andata a causa di una forte nebbia nel nostro scalo a Dubai. Il volo interno da Singapore a Kuala Lumpur, invece, lo abbiamo fatto con Malaysian Airlines, una compagnia locale.

Con entrambe le compagnie aeree è consentito, per la classe economy, un bagaglio in stiva di massimo 30 kg (il peso può essere raggiunto anche con più valige) ed un bagaglio a mano di 7 kg (NB: non è consentito portare lo zaino più una borsetta. In caso va inserita dentro al bagaglio a mano e deve rientrare nel peso!). Alla partenza dall’Italia i controlli sono stati molto rigidi, mentre nelle altre tappe non hanno fatto storie anche se oltre al bagaglio a mano avevo uno zainetto a vista.

METEO

Il meteo è stato dalla nostra parte durante il nostro viaggio alla scoperta dell’Asia. A Singapore abbiamo preso la pioggia solo 10 minuti il giorno del nostro arrivo. In Malesia, nonostante fosse la stagione delle piogge, l’acqua ci ha fatto compagnia solo nel viaggio in macchina da Kuala Lumpur alla Foresta Malese e per un’oretta mentre eravamo alla scoperta della città di Kuala Lumpur. A Dubai, invece, non ha mai piovuto e la temperatura è sempre stata gradevole.

VISTI E VACCINI

A differenza di un viaggio negli Stati Uniti, per questo viaggio non sono stati necessari visti di ingresso. Nessun vaccino è obbligatorio. E’ importante però informarsi bene sulle leggi vigenti nei diversi luoghi. Un esempio? A Singapore è vietato importare e masticare le chewingum e si rischia di essere multati se non si tira l’acqua nei bagni. A Dubai si rischia l’arresto se ci si scambia delle effusioni in pubblico.

ATTRAZIONI E TELEFONIA

Considerando il periodo del nostro viaggio (Natale), noi abbiamo deciso di acquistare una buona parte dei biglietti per le attrazioni online prima della partenza. In particolare, vi consigliamo di prenotare assolutamente la visita alle Petronas Tower perché molto spesso i posti risultano esauriti.

Petronas Tower Malesia

Noi abbiamo deciso di non fare alcun abbonamento telefonico, anche perché le proposte non erano troppo convenienti. Non abbiamo avuto alcun problema a collegarci ai wi-fi nei diversi hotel e nei punti di interesse. Unica eccezione: i giorni nella foresta malese. Li il telefono prende a singhiozzi ed il wi-fi del resort non funziona molto bene. Ma si sta talmente bene che non è necessario stare al cellulare!

FUSO ORARIO E MONETA

Singapore e la Malesia sono avanti di 7 ore rispetto all’Italia, mentre a Dubai il fuso è solo di 3 ore. Non dimenticatevi di tenerne conto sia nella prenotazione delle attrazioni, sia nell’organizzazione delle vostre giornate. Noi il fuso di 7 ore non l’abbiamo sofferto tanto, anche perché abbiamo viaggiato 21 ore per raggiungere Singapore e siamo riusciti a dormicchiare. Invece, una volta arrivati a Dubai, la stanchezza si è fatta sentire.

Per quanto riguarda la moneta abbiamo deciso di cambiarla direttamente in loco. A Singapore e Dubai accettano ovunque anche la carta di credito o carta prepagata mentre in Malesia fanno molte più storie perché preferiscono avere solo pagamenti in contanti. Un problema che abbiamo riscontrato in Malesia è stato il prelievo dal bancomat. Infatti, nonostante le nostre carte fossero state abilitate, non ci è stato possibile prelevare né con circuito Mastercard né con Visa. Il mio consiglio è quello di portarvi sempre dietro anche gli euro, perché in caso di necessità potete cercare un posto dove cambiarli, e di avere sempre e comunque del contante di sicurezza.

Se siete curiosi di scoprire le attrazioni di ogni tappa e le nostre emozioni durante questo viaggio alla scoperta dell’Asia non perdetevi i prossimi articoli dedicati a Singapore, alla splendida Malesia e alla calda Dubai.

Per non perdere nessun aggiornamento su di noi, seguici su instagram!

A presto viaggiatori,

Ele

Share on facebook
Facebook
Share on google
Google+
Share on twitter
Twitter
Share on pinterest
Pinterest
Share on whatsapp
WhatsApp
Share on email
Email

Lascia un commento