Rangiroa: Un paradiso incontaminato

La nostra prima tappa nella paradisiaca Polinesia Francese è stata Rangiroa, un paradiso incontaminato. Rangiroa è un atollo appartenente all’arcipelago delle Isole Tuamotu. 

Ma che cos’è un atollo? Un atollo è una striscia di terra formata dalla barriera corallina “morta”, all’interno del quale è “precipitata” l’isola iniziale ed ora si trova la laguna. Essendo una striscia di barriera corallina, non è sempre continua. Il tratto percorribile dell’isola, infatti, è circa 10 km, ma l’atollo è uno dei più grandi al mondo, basti pensare che al suo interno può contenere tutta l’isola di Tahiti. 

Questo atollo ci ha subito fatto innamorare della Polinesia. La laguna ha tantissime sfumature, dall’azzurro chiarissimo al blu, dal verde acqua al verde smeraldo. La barriera corallina contribuisce ad un ecosistema ricchissimo di pesci, squaletti e razze. Era proprio quello che ci aspettavamo dalla Polinesia.

Abbiamo definito Rangiroa un paradiso incontaminato perché, rispetto a Moorea e Bora Bora, è molto wild e l’impronta dell’uomo è poco presente. 

Girando per l’atollo, infatti, si nota solo qualche hotel, qualche negozietto per gli abitanti del posto e le loro abitazioni. La maggior parte degli abitanti parlano solo la lingua locale e il francese, mentre a Bora Bora e Moorea quasi tutti, almeno nelle attività commerciali, parlano anche l’inglese.

A Rangiroa abbiamo soggiornato presso l’hotel Maitai, in un bungalow davvero carino. L’hotel ha l’accesso direttamente alla laguna con un molo ed una scaletta e per il relax dei suoi ospiti c’è una piscina che affaccia sulla splendida laguna. Un’altra caratteristica di Rangiroa, infatti, è che ci sono pochissime spiagge. Il nostro soggiorno al Maitai è stato piacevole, il ristorante dell’hotel è piuttosto buono, anche se la scelta dei piatti non è vastissima. L’hotel è pulito, il personale abbastanza gentile ma il wi-fi non funziona quasi per niente. Se avete voglia di disintossicarvi dalla vita online, questo è il posto che fa per voi!

Durante i 3 giorni passati in questo paradiso ci siamo divertiti a fare snorkeling intorno all’hotel e a rilassarci in piscina, ma abbiamo anche noleggiato le biciclette per andare alla scoperta dell'”interno”.

In valigia non possono assolutamente mancare maschera e tubo, scarpette, per non farsi male con i coralli, macchina subacquea, per poter immortalare momenti unici, e protezione solare! Le pinne (che in valigia sono decisamente ingombranti), solitamente, è possibile noleggiarle in hotel oppure vengono date durante le escursioni!

A proposito di escursioni, a Rangiroa abbiamo fatto una delle escursioni più belle di sempre: l’escursione alla Laguna Blu. Questa giornata ci ha convinti ancora di più che Rangiroa è un Paradiso Incontaminato.

A presto,

Ele e Signo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Proudly powered by WordPress | Theme: Baskerville 2 by Anders Noren.

Up ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: