LIONE: 5 cose da non perdere

Ciao viaggiatori,
Siamo Margherita e Nicola, e questo è il nostro primo articolo. Quest’articolo nasce per caso, come la collaborazione con questo blog, e proprio per questo ho scelto di inaugurare questa nuova esperienza con un viaggio nato per caso. Come?
“Questo è il volo che costa meno”. E così abbiamo prenotato e iniziato a sognare questo viaggio.
Questa città francese, che non viene mai considerata durante l’organizzazione di un viaggio, ha secondo noi almeno 5 posti che vale la pena vedere! E allora iniziamo
È un angolo di verde in cui allontanarsi dal caos cittadino. Avevamo pensato di passare nel parco un’oretta, giusto per un panino al volo e invece…… ben tre ore e avremmo potuto vedere di più se avessimo avuto più tempo. Nel parco si possono fare molte attività: affittare una barca per vedere il lago, visitare lo zoo con animali davvero particolari, prendere il trenino per girare tutto il parco (consigliato soprattutto se avete bambini) o, semplicemente, passeggiare e rilassarsi. Vi informo
però che molte attività (come il giro in barca) sono possibili solo nei mesi estivi ma non disperate…troverete sicuramente qualcosa da fare.
Con mia grande sorpresa ho scoperto che Lione è pieno di Street art e basta solo aguzzare la vista per trovare murales sparsi per la città. Se questo tipo di arte vi piace, non potete perdere questi murales:
MUR DES CANUTS: Davvero ho fatto fatica a capire cosa fosse reale e cosa no e poi…potrete scattare molte foto davvero realistiche come ad esempio una foto seduti sulla scalinata.
FRESQUE DES LYONNAIS: sono raffigurati personaggi celebri a Lione come i fratelli Lumière, Saint-Exupery e il personaggio nato dalla sua penna: IL PICCOLO PRINCIPE
BIBLIOTHEQUE DE LA CITE: se, come me, amate i libri, questa è una tappa imperdibile; o anche se semplicemente vi piacciono i murales…va beh avete capito è una tappa imperdibile punto!
Vi avverto che li fa freschetto o se, come noi, andata nei mesi invernali, SI GELA! Ma ne vale davvero la pena. Per arrivarci dovete prendere una funicolare (munitevi di monetine perché le biglietterie automatiche non accettano banconote). La cattedrale è davvero meravigliosa e offre una vista su Lione unica. Nei mesi estivi potete salire sulla terrazza Saint Michel. Non è una cattedrale molto antica (la sua costruzione viene decisa nel 1870 dai lionesi ed il loro arcivescovo per ringraziare la Vergine per aver evitato che le armate prussiane penetrassero nella città). Dalla basilica si ha anche una vista sulla “TOUR EIFFEL DI LIONE”.
Piccola curiosità: da molti la cattedrale è conosciuta come “l’elefante rovesciato” e, in effetti, le quattro torri sembrano proprio le zampe
del pachiderma.
4. PONT WILSON
Okkei lo so che questo non rientra proprio tra i musei e le attrazioni ma non potete non passeggiare su questo ponte o uno dei tanti ad esso paralleli e scattare foto a raffica al panorama. Lì vicino ci sono dei cigni quindi preparate del pane. Attraversato questo ponte arriverete a Place Bellecour e noi lì non sapevamo davvero dove volgere lo sguardo: gente che ballava, bambini che giocavano e, se dovesse servirvi, proprio lì si trova un Centro del Turismo.
IMG_20180317_190539
5. LES TRABOULES
Dal latino tran abulare ovvero “passare attraverso”, questi passaggi sono nati con una funzione pratica, ovvero permettere di passare da una strada all’altra senza dover fare il giro dell’edificio, ma negli anni la loro estetica è migliorata e sono diventati a tutti gli effetti una meta turistica di Lione. Essendo passaggi tra due palazzi, molti dei traboules sono privati ma ve ne sono comunque alcuni visitabili come,ad esempio, quello che collega rue St Jean 54 a rue du Boeuf 27
 IMG_20180319_115742
Lione sicuramente non è Parigi, ma se siete alla scoperta della Francia o volete fare un weekend da qualche parte e “Questo è il volo che costa meno”, vi consigliamo di non perdervi queste 5 tappe che per noi si sono rivelate bellissime!
A presto viaggiatori,
Meg e Nic

Lascia un commento